Comunicare

“La storia del commercio è quella della comunicazione dei popoli”
Charles-Louis de Montesquieu

La Torre di Babele è dai tempi della Genesi un’immagine divenuta archetipica, e che agisce a livello profondo. La spinta verticale verso il cielo, e la conseguente condanna alla confusione delle lingue impedisce ai Babilonesi di portare a termine l’opera, per l’impossibilità di capirsi.

Il mito rimane vivo ed attuale, tanto più in questi tempi, quando la comunicazione e la necessità di costruire ponti comunicativi ha assunto una centralità indiscussa.

Un linguaggio universalmente valido per le persone rimarrà un sogno romantico, ed è il sogno della comunicazione, che tra persone non può prescindere dagli sguardi, e da elementi sottili.

L’informatica ha un compito meno improbo: far circolare le informazioni.

La Torre di Babele dei linguaggi informatici deve essere affrontata ricordando quello che nel mito era la situazione originaria: un linguaggio comune che permetteva l’ideazione, progettazione ed infine la costruzione di tale incredibile opera.

Il mondo di oggi e il mercato che ne determina nel bene e nel male le sorti è divenuto sempre più liquido e un semplice click ci può catapultare in un attimo da un continente all’altro. Ne consegue una necessità primaria: abbattere le barriere comunicative e permettere alle informazioni di circolare liberamente, in modo certo, lineare, comprensibile.
In Informatichese, stiamo parlando dei cosiddetti Standard di comunicazione.

Il tipo di tecnologia utilizzata può agevolare enormemente l’adozione di standard comunicativi, che però a basso livello hanno necessità di una conoscenza specifica del settore per esser universalmente compresi.

Questo significa che il focus di Domina sulla comunicazione unisce i due livelli, rendendo fruibile per i suoi clienti un pacchetto che unisce la tecnologia più adeguata e le conoscenze tecniche specifiche del settore tessile. In questo modo vengono rimossi gli ostacoli inevitabili che la Babele di linguaggi informatici e tecnici purtroppo ha nella sua natura.

  • Ne conseguono vantaggi competitivi cruciali, tra cui:
  • Struttura comunicativa versatile e adattabile
  • Sicurezza della trasmissione e ricezione dei dati
  • Inviolabilità dei messaggi
  • Universalità dei dati trasmissibili (qualsiasi contenuto)
  • Comunicazione massiva e distribuita
  • Interoperabilità tra sistemi
  • Automatizzazione e fruibilità universale dei messaggi

Domina S.r.l., negli ultimi decenni, ha dedicato enormi risorse nello sviluppo di progetti atti a migliorare ed ottimizzare la comunicazione tra realtà differenti basata su standard internazionali, fruibili da qualsiasi realtà.

Dettaglio progetti:

EBIZ CEN WS

Partendo dall’eccellente risultato ottenuto negli anni dal protocollo standard imposto da e-BIZ/TCF – ModaML, la proposta è la naturale evoluzione di quest’ultimo; espandere a nuove “fasi” o “campi” della filiera tessile, la standardizzazione di parametri fondamentali atti a descrivere le qualità di una fibra tessile.
Questi parametri possono essere raggruppati in due differenti famiglie:
Dati specifici del materiale costituente il filato
Informazioni relative al settaggio dei vari macchinari necessari per produrlo
Il progetto consente di scambiare tutte le informazioni tecniche di un filato tra le varie realtà industriali manifatturiere. Questi parametri standard, attualmente presenti esclusivamente all’interno dell’azienda, consentirebbero all’utilizzatore finale di elaborare e virtualizzare il prodotto finito partendo dalle specifiche tecniche iniziali de filo.

EBIZ TCF 

Il progetto mira ad armonizzazione dei processi di e-Businnes per imprese del tessile – abbigliamento calzaturiero nel mercato unico europeo. eBIZ- TCF è un progetto “cooperation” di due anni avviato in gennaio 2008 dalla Commissione Europea (DG Enterprise & Industry) per favorire l’adozione dei processi di e-business nelle industrie europee del tessile abbigliamento e calzatura.

LEAPFROG CA

L’obiettivo del progetto è lo sviluppo di un sistema di informazione integrato e l’individuazione di possibili punti di intervento nell’industria europea del tessile abbigliamento, attraverso la raccolta e l’analisi dei fabbisogni e delle problematiche presenti a livello regionale sul territorio europeo, e, in secondo luogo, tramite la raccolta e la diffusione di soluzioni già presenti in determinate aree.

MODA-ML (Chiuso)

Progetto che affronta uno dei più rilevanti problemi dell’industria Europea del Tessile –Abbigliamento, ovvero il miglioramento della flessibilità e della capacità della filiera di rispondere velocemente al mercato; lo scopo è di guadagnare competitività rispetto ai competitori extraeuropei. Il progetto Moda-ML si traduce in due risultati concreti:

Definizione di tipi di documento XML e dizionari di termini
Realizzazione di alcuni semplici moduli software, di pubblico uso